MOBILE ONLY NAVIGATION

DESKTOP & TABLET NAVIGATION

Obesità nel cane: impariamo a conoscerla e prevenirla

La salute del tuo cane sappiamo che ti sta molto a cuore.

Spesso infatti ti preoccupi per il suo stato anche perché, diciamocelo, non parlando la tua stessa lingua, hai paura di sottovalutare i più piccoli segnali che ti da il tuo fedele amico.

Tenere sotto controllo le abitudini, lo stile di vita e l’umore del tuo fido è il tuo compito principale: ogni animale ha infatti un modo tutto suo per comunicare con il suo padrone, il quale deve saper analizzare ogni atteggiamento e cambiamento del suo amico a quattro zampe.

In questo articolo analizzeremo un problema molto diffuso: l’obesità del cane.

Si tratta di una patologia che può nascondere malattie molto più gravi e può avere conseguenze irreversibili se non trattata per tempo.

Vediamo allora insieme le cause, i sintomi e le correlazioni di questa patologia.

L’obesità nel cane

Come per l’essere umano, l’obesità e il sovrappeso sono una condizione frequente che può celare patologie ben più gravi. Caratteristica in molti cani, soprattutto, in età avanzata.

La prima cosa da fare è appunto prestare attenzione al tipo di aumento di peso a cui sta andando incontro il tuo cane, perché c’è differenza tra la condizione di sovrappeso e quella di obesità. A questo proposito bisogna tenere d’occhio il fabbisogno calorico del nostro cane.

Spesso risulta difficile diagnosticare un aumento di peso più o meno grave, perché dipende molto dalla condizione del cane, dalla sua razza, dalle sue abitudini, dalla presenza di altre patologie già diagnosticate, e molto altro.

Ovviamente si parla di obesità nel caso in cui il tuo cane si trovi in una condizione di aumento di peso fuori dalla norma, quando ha già superato la fase del “semplice sovrappeso”.

Quali sono i sintomi dell’obesità nel cane

Il sintomo principale dell’aumento di peso è puramente estetico.

Ogni razza di cane ha il suo corrispettivo di peso ideale.

Sarà quindi tuo dovere richiedere al tuo veterinario, quale sia il normopeso per il tuo fido e, sulla base di quel valore, potrai facilmente renderti conto se il tuo cane si trova in una condizione di peso adeguata alla sua razza, alla sua età e al suo stile di vita.

In linea generale si parla di:

  • sovrappeso quando il cane supera il suo peso ideale del 5-15%
  • obesità quando l’aumento supera il 20%.

Ma il tuo cane non manifesterà l’obesità da un mero giudizio estetico: un sintomo correlato a questa condizione è senza dubbio l’affaticamento.

Il tuo cane potrebbe sentirsi stanco e affaticato, potrebbe non sopportare più le passeggiate e iniziare uno stile di vita sedentario.

Questi sono i principali campanelli d’allarme a cui dovrai fare attenzione.

Le cause di obesità nel cane

Le cause dell’obesità nel cane sono molteplici: uno stile di vita sedentario e un’alimentazione scorretta possono provocare un aumento di peso nel tuo cane e fargli raggiungere la condizione di obesità in brevissimo tempo.

La sterilizzazione, se non opportunamente controllata nel decorso post-operatorio, potrebbe pregiudicarne un aumento di peso non indifferente.

Anche la presenza di malattie correlate come il diabete o l’ipotiroidismo possono causare un aumento di peso fuori dalla norma e portare il tuo cane da una condizione di normopeso all’obesità.

Come trattare l’obesità nel cane: cura e prevenzione

La prima cosa da fare è preoccuparsi della prevenzione.

L’importanza di uno stile di vita sano a partire dall’alimentazione

Allo scopo di prevenire e curare l’obesità è importante concentrarsi su un’alimentazione del cane adeguata e uno stile di vita sano.

È opportuno seguire un regime alimentare specifico e ben bilanciato, razionando le porzioni nell’arco della giornata senza esagerare nella somministrazione del cibo.

Sappiamo perfettamente che il tuo fedele amico farà gli occhi dolci e implorerà un’altra razione di cibo, ma dovrai essere forte e sopportare questo momento: in fondo lo stai facendo per il suo bene.

Puoi sostituire quegli snack industriali che il tuo fido considera gustosissimi, ma che sono pieni di schifezze, con alimenti a zero calorie: una costa di sedano, una carota o un osso di bistecca sono consentiti.

Così come gli snack senza zuccheri specifici per cani in sovrappeso.

Invece dovrai bandire gli avanzi della tua tavola: il tuo cane non è un essere umano, ha un metabolismo e un organismo che reagisce in maniera diversa dal tuo e ha quindi bisogno di alimenti specifici che è in grado di assumere senza gravi conseguenze, in primis le malattie gastrointestinali.

Tra gli alimenti consigliati c’è il cibo fresco (poco elaborato) e ci sono ovviamente i prodotti grain free: si tratta di prodotti sprovvisti di grano, che quindi non impattano l’apporto nutritivo al tuo cane perché sono privi di zuccheri.

Ebbene si, il grano per gli animali aumenta i livelli di zucchero nel sangue e di conseguenza può provocare un aumento di peso non indifferente.

Non sottovalutare l’importanza dell’attività fisica

Come per te, l’attività fisica è essenziale per il tuo cane.

Correre, giocare, saltare, camminare: sono tutte attività che dovrai programmare quotidianamente, a maggior ragione se vivete in un appartamento da soli e il tuo Fido non ha a disposizione un giardino o un compagno di giochi con cui passare le sue giornate, o non è un cane sportivo.

Qualora il tuo cane si trovi nella condizione di obesità e quindi provi un notevole affaticamento durante il movimento, dovrai sforzarti insieme a lui: con un po’ di pazienza saranno necessari solo pochi giorni per sbloccarlo e avviarlo all’attività fisica.

Se per caso abiti vicino al mare o ad un lago, nella bella stagione puoi anche optare per il nuoto: questa disciplina è perfetta per mantenere sotto controllo il peso e scoprirai che sarà estremamente divertente sia per te che per il tuo cane.

Quali sono le principali forme di malattie correlate all’obesità nel cane

Vediamo insieme le principali patologie del cane correlate all’obesità a cui il tuo fido può andare incontro.

Ipotiroidismo

L’ipotiroidismo è una patologia legata all’organo della tiroide, l’organo dell’apparato endocrino preposto al metabolismo e alla sintesi proteica.

Nel caso dell’ipotiroidismo, la tiroide non funziona correttamente, o meglio, non produce un quantitativo sufficiente di ormone tiroideo. Di conseguenza il metabolismo risulta lento, esattamente come per l’essere umano.

Nel 95% dei casi si presenta nei cani adulti, mentre per il restante 5% si tratta di forme congenite presenti dalla nascita.

Molto rara invece la presenza di ipotiroidismo causata dalla carenza di iodio.

Sindrome di Cushing

Anche detta ipercortisolismo, la sindrome di Cushing è una malattia che colpisce l’ipofisi e le ghiandole surrenali.

L’ipofisi, posta nel cranio, svolge una funzione regolatrice delle ghiandole endocrine, mentre le ghiandole surrenali, situate nei reni, si occupano della produzione di cortisolo.

La sindrome di Cushing è la condizione secondo cui avviene appunto un aumento nella produzione del cortisolo, l’ormone che si comporta in modo simile al farmaco del cortisone.

Diagnosticare questa malattia non è semplice e spesso significa sottoporre l’animale ad esami diagnostici come ecografia e risonanza magnetica.

Diabete

Il diabete nel cane è causato da un’alimentazione scorretta.

Come abbiamo già detto, il tuo cane non ha un metabolismo come il tuo e ha quindi la necessità di seguire una dieta precisa che evita l’insorgere di malattie come il diabete.

Anche in questo caso, una corretta alimentazione aiuterà moltissimo il tuo cane: dovrai fare attenzione a non somministrargli alimenti che possono aumentare l’apporto di zuccheri nel sangue, prediligendo alimenti gluten free.

Nel caso al tuo cane venisse diagnosticato il diabete, potresti trovarti nella condizione di dovergli somministrare l’insulina quotidianamente.

Nulla di impossibile: la gestione del paziente diabetico oggi è molto semplice e la ricerca ha semplificato la somministrazione di insulina.

Il tuo veterinario sarà comunque disponibile ad aiutarti durante le prime fasi per prendere dimestichezza con gli strumenti di misurazione della glicemia e somministrazione dell’insulina.

Problemi articolari e patologie cardiovascolari

L’obesità può avere gravi conseguenze a livello articolare e cardiovascolare.

Il tuo cane potrebbe soffrire di dolori articolari e cardiovascolari soprattutto nelle fasi di movimento: una camminata, una corsa, un gioco, potrebbero causare un forte stress nel tuo cane, che si sentirà affaticato e in affanno.

Sarà quindi opportuno consultare il veterinario per studiare insieme un regime quotidiano in grado di risollevare la condizione di fatica nel tuo cane.

Rischio tumorale

Purtroppo l’obesità può avere anche gravi conseguenze come l’aumento del rischio tumorale e una diminuzione dell’aspettativa di vita.

A maggior ragione è importante non sottovalutare i segnali che ti darà il tuo cane e fargli vivere uno stile di vita sano ed equilibrato.

Conclusioni

Abbiamo visto insieme le principali malattie correlate all’obesità a cui il tuo cane può andare incontro.

Ricorda sempre di non sottovalutare i segnali che il tuo fedele amico ti darà, in modo che tu sia a conoscenza del fatto che lui possa avere un problema.

È importante infatti che tu prenda nota di ogni minimo cambiamento in quelle che sono le sue abitudini: in questo modo potrai facilmente renderti conto se c’è qualcosa che non va.

Non dimenticarti di consultare il tuo veterinario, che studierà il corretto stile di vita e di alimentazione da far seguire al tuo cane per un miglioramento della sua qualità della vita.

Chiedi sempre consiglio al tuo veterinario.

Condividi con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp