MOBILE ONLY NAVIGATION

DESKTOP & TABLET NAVIGATION

Nefropatia nel cane: cause, sintomi e terapia

La nefropatia nel cane è una patologia che, se non individuata e curata in tempo, può trasformarsi in insufficienza renale, una malattia che può essere molto pericolosa e mettere a serio rischio la vita del nostro amico a quattro zampe.

Riuscire a individuarla, però, non è facile soprattutto dal momento che i sintomi non sono sempre individuabili e possono spesso essere confusi con il diabete.

In questo articolo parliamo quindi di nefropatia del cane, come riconoscere l’insufficienza renale, quali sono i sintomi, le cause e la terapia per questa infida malattia.

Cos’è l’insufficienza renale nel cane

Come riportato da Wikipedia, con il termine nefropatia si indica:

“un qualsiasi processo patologico a carico del rene.”

Quando un cane soffre di nefropatia, a lungo andare si può sviluppare quella che viene chiamata insufficienza renale, ossia una patologia in cui i suoi reni non riescono più a funzionare come dovrebbero, causando un blocco renale.

Esistono principalmente due forme di insufficienza renale: acuta e cronica. La forma cronica è anche quella più insidiosa poiché è quella più difficile da riconoscere. Infatti, non appare all’improvviso, come quella acuta, ma avanza gradualmente, inesorabilmente e in modo irreversibile.

L’insufficienza renale può colpire tutti i cani, indipendentemente da sesso e razza, anche se sembra che prevalentemente vengono colpiti i cani adulti o anziani (tra i 6 e gli 11 anni di vita), in particolare maschi.

Come funzionano i reni

Per capire meglio come si sviluppa questa malattia urinaria, è doveroso fare un piccolo passo indietro per capire meglio in che modo funzionano i reni.

Tra le altre funzioni, i reni sono una sorta di filtro dell’organismo, che trattengono le sostanze necessarie al corretto funzionamento del corpo ed espellendo gli scarti attraverso l’urina. Questa funzione viene in particolare svolta dai nefroni, delle strutture molto complesse presenti nei reni.

Quando un cane soffre di insufficienza renale significa quindi che i nefroni sono sempre più dannaggiati e non riescono più a svolgere le loro funzioni di filtraggio e riequilibrio.

Ma quali sono le cause di questa patologia? Vediamole insieme.

Le cause dell’insufficienza renale

Le cause dell’insufficienza renale non sono facilmente individuabili ma possono essere riconducibili a:

  • alimentazione non corretta
  • abuso di farmaci
  • malattie autoimmuni
  • infezioni e infiammazioni
  • neoplasie
  • ingerimento di sostanze tossiche
  • alcune patologie pregresse, come la leishmaniosi
  • calcoli renali.

Quali sono i sintomi e come riconoscerli

La International Renal Interest Society (IRIS) identifica 4 stadi della malattia in base ai valori della creatinina nel sangue:

  • Stadio I: diminuzione della riserva renale (<1,4)
  • Stadio II: deficit renale (1,4-2)
  • Stadio III: insufficienza renale (2-5)
  • Stadio IV: sindrome uremica (>5).

I sintomi variano a seconda dello stadio della malattia. Uno stadio più alto corrisponde inoltre a una maggiore pericolosità e cronicità.

I sintomi principali delle nefropatie sono:

  • Aumento della sete
  • Inappetenza
  • Vomito e diarrea
  • Letargia e apatia
  • Incontinenza urinaria durante il sonno
  • Perdita improvvisa di peso
  • Aumento della quantità di urina
  • Alito cattivo
  • Disidratazione
  • Gastrite, stomatite, ulcere gastriche e intestinali
  • Anemia
  • Epilessia e convulsioni.

Come curare questa patologia

Se si sospetta che il nostro cane abbia una nefropatia, la prima cosa da fare è senza dubbio quella di portarlo dal veterinario in modo che possa procedere a svolgere dei test approfonditi, come un’analisi del sangue e delle urine ed eventualmente anche un’ecografia o una radiografia.

Attraverso i test di laboratorio, il veterinario potrà non solo stabilire se ci troviamo di fronte a un’insufficienza renale ma anche a quale stadio si trova la malattia.

In base ai risultati di questi esami, poi, si procederà eventualmente a ulteriori analisi più approfondite per accertarsi che la malattia non abbia colpito anche altri organi.

La terapia per curare l’insufficienza renale dipende dal tipo e dallo stadio della patologia. Solitamente vengono effettuati trattamenti farmacologici mirati a rallentare il progredire della malattia e per aiutare i reni a non sovraccaricarsi.

La terapia, oltre alla cura farmacologica, prevede anche una corretta alimentazione, con una diminuzione delle proteine, delle eventuali flebo per la reintegrazione dei liquidi e un’attività fisica non troppo intensa.

Conclusioni

L’insufficienza renale è una patologia che può rivelarsi anche letale per il tuo fido se non riesci a riconoscerla e curarla in tempo.

Purtroppo, durante gli stadi iniziali, quando è possibile intervenire e curare questa patologia, i sintomi sono leggeri, condivisi da molte altre malattie, o addirittura assenti e non è facile individuare il problema.

Più che i sintomi diventano evidenti, invece, e più che è difficile intervenire prima che la malattia diventi irreversibile.

È perciò consigliabile non sottovalutare mai i sintomi anche meno invasivi e lasciare che il cane faccia periodicamente delle regolari visite di controllo, in modo da riuscire a individuare la problematica prima che si trasformi in una malattia seria.

Condividi con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp