MOBILE ONLY NAVIGATION

DESKTOP & TABLET NAVIGATION

Dieta BARF per cani: cosa devi sapere

La dieta BARF per cani (Biologically Appropriate Raw Food), ovvero cibo crudo biologicamente appropriato, è un tipo di alimentazione per cani, che esalta il cibo fresco a discapito di quello industriale.  Elaborata dal dott. Billinghurst, un veterinario australiano, è stata recentemente adottata da molti proprietari, che hanno a cuore la salute dei rispettivi cani. La dieta BARF per cani, originariamente, si basava su ossa polpose, verdure, carboidrati e latticini, partendo dal presupposto che, pur essendo carnivori, i cani si nutrono di quello che trovano. In seguito a questo assioma sono nate delle varianti che, purtroppo, non rendono facile orientarsi nel vasto mondo del cibo fresco per cani.Inoltre il rischio è di creare disturbi alimentari, senza le dovute accortezze nel consumo di cibo crudo,  o carenze nutritive al nostro cane.
Cerchiamo, quindi, di mettere ordine partendo dalla dieta BARF per cani più diffusa e da alcune sue varianti, come la dieta RAW per cani, una delle più estremizzate

Cos’è la dieta BARF per cani

Come detto la dieta BARF per cani adulti cerca di riprodurre le abitudini alimentari dei cani selvatici e carnivori (lupi, per esempio), i quali si nutrivano, ovviamente, di alimenti crudi. L’intenzione è, pertanto, quella di riprodurre con carne fresca, interiora, verdure, vitamine e minerali, la preda naturale che il cane troverebbe in natura.

Si tratta di un regime alimentare molto preciso che elimina, di fatto, oltre ai conservanti, anche cereali o grano che non sono indispensabili per il cane.

Un’alimentazione di tipo BARF, basata su questi principi, dovrebbe essere composta dal 60% da ossa con carne e muscolo, 25% solo carne e 15% di frutta, verdura, uova o interiora. Tutto rigorosamente crudo, senza cottura.

Dieta BARF per cani: quali alimenti includere

Fornire al nostro cane un cibo ad alto contenuto proteico, ricco di fibre, vitamine, sali minerali
e pochi carboidrati, sicuramente, evita che il sistema digerente del nostro cane venga intossicato, prevenendo
diverse patologie legate ad una cattiva alimentazione, a cui seguirebbe una fase di disintossicazione.
Ecco, nello specifico, cosa includere in una dieta BARF per cani.

Carne con ossa

La carne con ossa, come detto, è alla base di questa dieta. Tra quella più usata abbiamo:

  • Ali di uccelli,
  • costolette di maiale o agnello,
  • salmone intero,
  • sgombro o sardine o acciughe interi.

La proporzione dovrebbe rispettare 50% carne, 50% ossa o lische. Ovviamente, è bene assicurarsi che lische o ossa siano facilmente commestibili dal cane, per dimensione e consistenza.

Interiora crude

Importante fonte di sali minerali, fibre e vitamine sono le interiora. In particolare:

  • cuore di pollo,
  • cuore di agnello o mucca,
  • fegato di uccelli o di vitello,
  • intestini di vitello o di pollo

Altri alimenti

Una delle particolarità di questa dieta BARF è la varietà. Pertanto bisogna aggiungere:

  • carote, zucca, spinaci o broccoli,
  • uova crude con guscio
  • olio di fegato di merluzzo

Sono tutti alimenti noti che, somministrati crudi, forniscono al nostro cane un apporto equilibrato e completo di nutrienti necessari al suo fabbisogno calorico: fibre, vitamine e sali minerali e Omega 3.

Esempio di dieta BARF per cani

Premettiamo che una dieta di questo tipo va proposta a cani in salute e sotto stretto consiglio del veterinario nutrizionista che lo segue. La varietà e la personalizzazione di questa dieta, sin dalle origini, rappresentano il suo punto di forza. E’, pertanto, raccomandabile documentarsi, introdurla gradualmente al cane e, soprattutto, farsi seguire da uno specialista.

Volendo esemplificare, stando a quanto detto sopra, la preparazione di un pasto per cani di 30 kg, seguendo i dettami della dieta BARF per cani, avremo:

  • circa 300 gr di carne con osso,
  • 100 gr di carne macinata
  • 50 gr di interiora
  • 50 gr di verdure
  • 1 uovo crudo con guscio
  • 1 cucchiaio di olio di fegato di merluzzo

Il pastone di circa 500 gr, che avremo preparato, sarà da somministrare al cane in 2 o 3 pasti giornalieri, per favorirne la digestione.

Vantaggi della dieta BARF per cani

Ecco alcuni dei vantaggi della dieta BARF per cani:

  • La varietà degli alimenti. Variare gli alimenti è importante per non creare carenze nutritive al nostro cane. Bisogna, quindi, bilanciare accuratamente tutti gli alimenti sopra descritti ed  è fondamentale che tutti siano sempre freschi.
  • Rafforzamento del sistema immunitario del cane. Diminuiscono le possibilità che si ammali di allergie o intolleranze alimentari.
  • Miglioramento della forza fisica e dell’energia. Mantenendo nel lungo periodo questo tipo di alimentazione, il cane avrà molte più energie che gli permetteranno di fare più attività fisica. E’ molto consigliata, infatti, per il cane sportivo, come quelli che fanno agility dog.
  • Aumento della muscolatura e diminuzione del grasso corporeo nel cane.
  • Miglioramento della dentatura e alito fresco. La carne cruda aiuta lo sviluppo della masticazione del cane e lo sviluppo sano e naturale dei denti.
  • Favorisce la lucentezza del pelo del nostro cane.
  • Il cibo crudo è adatto a tutte le razze di cane e non contiene conservanti o additivi.

Svantaggi della dieta BARF per cani

Ecco,invece, la nota dolente. Gli svantaggi dieta BARF per cani: 

  • Carenze nutritive e mancato bilanciamento degli ingredienti.
    Nel caso non si stata stilata una dieta BARF molto accurata e bilanciata adeguatamente. E’ sempre bene documentarsi e farsi assistere da un veterinario nutrizionista per stilare una dieta di questo tipo.
  • Alimenti non freschi o non di qualità. La scelta degli ingredienti è molto importante, poiché, non essendoci cottura, si rischiano infezioni all’apparato digerente del cane. Cerchiamo sempre la qualità dato che si tratta della salute del nostro cane.
  • Estrema cura nella scelta degli ingredienti e nella preparazione. E’ un metodo di alimentazione piuttosto impegnativo sotto diversi aspetti. Seppur non vi sia cottura, la preparazione richiede una certa attenzione e del tempo. Sono nati, per ovviare a questi inconvenienti, dei prodotti cosiddetti “Convenience BARF”, preparati e surgelati, in modo che basta scongelarli per servili al nostro cane.
  • Cibo crudo adatto a tutte le razze, ma non a tutti i cani. Seppur il concetto che cibo fresco e crudo è meglio, perché naturale e privo di additivi, non tutti i cani sono adatti a consumarlo. Le ossa polpose, in particolare, non sono adatti per cani con problemi ai denti o infiammazioni all’apparato digestivo. Quindi, mai come in questi casi, serve uno specialista per consigliarci al meglio.

Dieta RAW per cani

 Nel corso del tempo, i concetti della dieta BARF vennero estremizzati da un dentista veterinario, Dott. Tom Lonsdale, secondo il quale i cani dovrebbero assecondare la loro primitiva natura di mangiare “prede intere”, o quanto meno, cibi che simulino le prede trovate in natura, pertanto con ossa e frattaglie. Nasce così la dieta RAW, che favorisce la masticazione intensa, necessaria per deglutire carne fresca, la conseguente pulizia del cavo orale.  Inoltre, vengono eliminati i latticini e il consumo diretto di vegetali, che verrebbero assimilati, invece, tramite il consumo di interiora delle prede stesse. E’ un regime alimentare che si basa su quello dei canidi selvatici (lupi, volpi, sciacalli e dingo), i quali cacciano una grossa preda che consumano, da soli o in branco, per giorni o settimane.

La dieta RAW per cani, seppur molto estrema, ha diversi vantaggi come la BARF, in particolare, si notano miglioramenti in caso di malattie come artrosi e problemi di crescita, ne beneficiano i tendini e legamenti forti.  Come la BARF, anche questo tipo di scelta alimentare va concordata con specialisti della nutrizione.

Conclusioni

In definitiva possiamo stabilire che la dieta BARF per cani è una ottima soluzione sia per conservare le capacità nutritive del cibo, sia per eliminare additivi nocivi dal pasto dei nostri amici cani, purché i soggetti in questione abbiano le caratteristiche per supportare un regime alimentare a base di cibo fresco e crudo (dentatura in salute, nessuna patologia gastrica). Per il cane anziano, ad esempio, consideriamo il cibo fresco con cotture poco prolungate e a basse temperature come quelle utilizzate nei nostri prodotti. In particolare i bocconcini a base di carne, con integrazioni di verdure e Omega3

Products not found

 

Condividi con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp